Blog: http://bloGodot.ilcannocchiale.it

Amarcord/ Orizzonti di memoria

Chi ha detto che siamo fatti di carne e sangue? Sciocchezze: noi siamo fatti di luoghi. La nostra memoria è geografia: un mosaico di strade, città, sentieri, fiumi, mari e spiagge, bar e ristoranti, piazze e fontane, uffici e case. Con i loro odori. I rumori. I colori.

In City, Baricco scrive: "È una cosa strana. Quando ti accade di vedere il posto dove saresti salvo, sei sempre lì che lo guardi da fuori. Non ci sei mai dentro. È il tuo posto, ma tu non ci sei mai".

Ovvio. Per noi non esiste salvezza. Esiste soltanto consolazione. Anche i nostri sogni sono luoghi. Origine e destinazione. Siamo punti in viaggio: nascita e morte. Dicotomie spaziali, scenografie esistenziali: o ci siamo o non ci siamo. Per questo, diceva Epicuro, la morte non dovrebbe spaventarci: quando c'è lei, noi ci dissolviamo.

In questa piazza fotografata qui a fianco, sotto le tende, c'è un ristorante. Sull'ultima finestra in alto a sinistra sventola, impercettibile, una bandiera della pace. In quella sala si può mangiare un'ottima tagliata di manzo. Le voci risuonano forte, i cuochi osservano attraverso i vetri. C'è una ragazza seduta accanto alla seconda vetrina che dà sulla strada. Ha una maglietta rossa, incrociata sulla schiena, a lasciare scoperta la pelle sotto le scapole. Tra le mani stringe due pacchetti infiocchettati. In uno c'è "Cattedrale" di Carver, nell'altro un volume di foto di Robert Capa. Lui, che le siede di fronte, ancora non lo sa. Quando scarta, arrossisce imbarazzato, ma non per i regali. E' che non ha mai avuto davanti niente di così meraviglioso. 
Dev'essere una delle prime volte che escono insieme. Sembrano furtivi, pare che nascondano qualcosa. Sono belli. Scintillano. Quella piazza, quel ristorante, quella finestra - per loro - non saranno più gli stessi. Anche se non si rivedranno più. Anche se passeranno insieme il resto della loro vita. 

Noi siamo fatti di luoghi. La nostra memoria è geografia. 

(vai al precedente post di Amarcord)


 

Pubblicato il 25/1/2006 alle 16.58 nella rubrica Amarcord.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web