Blog: http://bloGodot.ilcannocchiale.it

Vibrisselibri s'inCarta

Ci avevamo scommesso e le abbiamo dato l'anima, ma la nostra "creatura anfibia" ci ha ampiamente ricompensato. Due dei cinque libri editi da vibrisselibri in appena otto mesi di vita e scaricabili gratuitamente sul web approderanno in libreria. Il romanzo "Tana per la bambina con i capelli a ombrellone" di Monica Viola sarà pubblicato da Rizzoli a febbraio 2008. Il saggio di Demetrio Paolin "Una tragedia negata. Il racconto degli anni di piombo nella narrativa italiana" uscirà a marzo con Il Maestrale.

Per capire la gioia che per noi significa questo "passo cartaceo" provate a immaginare cinquanta papà e cinquanta mamme dello stesso bimbo, tutti intorno alla culla del neonato che ha emesso il primo vagito (no, non è la scena finale di Rosemary's Baby, tranquilli).

La vittoria è doppia. Perché avevamo scommesso di poter "pungolare" gli editori convincendoli a pubblicare su carta i nostri libri, accuratamente selezionati dal Comitato di lettura, ma avevamo anche indicato lo spazio per sperimentare nuove soluzioni, indicando le opportunità offerte da quell'enorme caotico camaloentico pianeta che è Internet. Ebbene: l'originalità del passaggio su carta di Paolin e Viola sta anche nel fatto che le versioni originali dei loro testi resteranno accessibili gratuitamente sul sito di vibrisselibri. Nessun oscuramento, nessuna improvvisa scomparsa dalla rete.

Ci preme ringraziare tutti. Quelli che si sono accorti di vibrisselibri, i tanti autori che ci hanno accordato fiducia inviandoci i loro manoscritti e che hanno dovuto pazientare (siamo tutti volontari che mettono a disposizione di vibrisselibri il proprio tempo libero), i giornalisti che hanno parlato di noi, gli editori che hanno raccolto la nostra sfida. Ma soprattutto i nostri compagni di viaggio, da Giulio Mozzi, ideatore e presidente dell'associazione, nonché Capitano di questa ciurma di folli, alla vulcanica Gaja Cenciarelli, egregiamente al timone della redazione, dai Deconi che guidano il Comitato di lettura (Lucio Angelini, Luca Tassinari, Giuseppe Mauro) agli amici che abbiamo conquistato strada facendo. Inviamo un saluto particolare a Stefania Nardini, che è sempre nel nostro cuore.

Come dice Giulio, la cosa interessante è che la pubblicazione in rete dei nostri libri ha provocato reazioni, recensioni e discussioni non solo in rete ma anche nella stampa, dimostrando che questi libri un loro pubblico ce l’hanno. "Non siamo anime belle - tiene a precisare il Capitano - ma una muta di cani da tartufo". Andiamo a caccia di libri preziosi, rari, fuori norma. Ci sta persino spuntando la coda.

Chi all'inizio del nuovo anno s'aggirerà in libreria e vedrà Tana per la bambina con i capelli a ombrellone o Una tragedia negata, per favore, si fermi, li acciuffi e ci regali un sorriso a distanza.

Nel nostro catologo restano tre libri in cerca di carta:
El largo adìos di Andrea Comotti (prima parte de L’organigramma, romanzo fantastico sulla strage di Piazza Fontana)
Nenio di Eugenio De Medio, la storia di un uomo violato e della sua ricostruzione;
Appuntamento con il notaio / Paura della notte, i racconti in versi di Alessio Paša.

Ed è già in cantiere un nuovo libro, il romanzo I nomi sacri di Riccardo Ferrazzi.
In somma: noi mica ci fermiamo qui.

L'immagine tratta dalla mostra itinerante "Donne di carta", curata da Fiorenza Dallari

Pubblicato il 3/8/2007 alle 10.57 nella rubrica LetterariaMente.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web