Blog: http://bloGodot.ilcannocchiale.it

Post-it/ La meraviglia di meravigliarsi ancora

 
Foto di Grenar


Se siete a Roma, amate i libri e apprezzate lo stupore, c'è un appuntamento che non potete perdere: il 2 maggio BombaSicilia approda sulla carta.
Ebbene sì: non contenta del solo web, la rivista fondata sei anni fa dall'allora 19enne Tonino Pintacuda - assistito da un folto gruppo di macchiafogli (noi compresi) e capitanato dalle valorose Maura Gancitano e Maria Renda - imperverserà anche in libreria. Con un numero monografico dedicato alla meraviglia. Ai luoghi, agli autori, alle persone capaci di far restare a bocca aperta.

Accorrete numerosi, dunque. La presentazione ufficiale della rivista avverrà mercoledì 2 maggio alle ore 19 a Roma, presso il Tuma’s Book Bar a Via dei Sabelli, 17 (San Lorenzo).
La formula sarà quella del Magazine Party: con un biglietto d'ingresso da 5 euro vi aggiudicherete una copia della rivista e un aperitivo.
 
Non è bieca pubblicità. Chi ci conosce sa che amiamo sponsorizzare soltanto iniziative in cui crediamo profondamente. L'abbiamo fatto con vibrisselibri, lo facciamo adesso con BombaSicilia.
La ragione è semplice: in entrambi i casi, si tratta di movimenti nati dal basso, non delle solite lobbies, non delle "chiamate" dall'alto (stile Partito democratico, per intenderci, la gigantesca farsa che riempie in questi giorni i notiziari: il top dell'autoreferenzialità della politica autoreferenziale).
In entrambi i casi siamo davanti a "collettivi" aperti, che vanno a caccia di talenti da cooptare e valorizzare. Senza bisogno di tessere e appartenenze. Senza dover essere amici di, amanti di, fedeli a. Persino senza avere Lele Mora come agente.
In entrambi i casi i giovani pullulano. Proprio come a Italiopoli. Sfogliare i nostri quotidiani è come sfogliare il libro degli ospiti di Villa Arzilla, fatta eccezione, naturalmente, per le scollature e i sorrisi al lifting delle pagine degli spettacoli.
Di più: la redazione di BombaSicilia conta 12 donne su 23 componenti. Pare il Governo finlandese (notizia di ieri): il centrodestra ha assegnato 12 ministeri su 20 a donne, tutte quarantenni.
Quella è la Finlandia, questa è Italiopoli.
Meno male che c'è ancora la meraviglia di meravigliarsi.

Pubblicato il 20/4/2007 alle 16.30 nella rubrica Post-it.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web