.
Annunci online

bloGodot [ Godot è arrivato e non ci piace ]
 



Mantra mattutino

ESTRAGONE Didi.

VLADIMIRO Sì.

ESTRAGONE Non posso più andare avanti così.

VLADIMIRO Sono cose che si dicono.

ESTRAGONE Se provassimo a lasciarci? Forse le cose andrebbero meglio.

VLADIMIRO C’impiccheremo domani. (Pausa). A meno che Godot non venga. ESTRAGONE E se viene?

VLADIMIRO Saremo salvati. (Vladimiro si toglie il cappello – che è quello di Lucky – ci guarda dentro, ci passa la mano, lo scuote, lo rimette in testa).

da "Waiting for Godot", Samuel Beckett


Mantra notturno

Che cosa significa “la realtà”? [...] A volte sembra nascondersi dietro forme troppo lontane perché ci sia possibile capire la loro vera natura. Ma qualunque cosa essa tocchi, viene fissata e resa permanente. E' questo che ci resta, quando abbiamo gettato dietro la siepe la buccia vuota del giorno; è questo che ci resta del tempo passato, dei nostri amori e delle nostre avversioni.

da “Una stanza tutta per sé”, Virginia Woolf



Per non morire mai

And did you get what
you wanted from this life, even so?
I did.
And what did you want?
To call myself beloved, to feel myself
beloved on the earth.

E hai ottenuto quello che
volevi da questa vita, nonostante tutto?
Sì.
E cos’è che volevi?
Potermi dire amato, sentirmi
amato sulla terra.

"Late fragment", Raymond Carver



Per avere una meta

L'atlante del Gran Kan contiene anche le carte delle terre promesse visitate nel pensiero ma non ancora scoperte o fondate: la Nuova Atlantide, Utopia, la Città del Sole, Oceana, Tamoé, Armonia, New-Lanark, Icaria.
Chiese a Marco Kublai: - Tu che esplori intorno e vedi i segni, saprai dirmi verso quale di questi futuri ci spingono i venti propizi.
- Per questi porti non saprei tracciare la rotta sulla carta né fissare la data dell'approdo. Alle volte mi basta uno scorcio che s'apre nel bel mezzo d'un paesaggio incongruo, un affiorare di luci nella nebbia, il dialogo di due passanti che s'incontrano nel viavai, per pensare che partendo di lì metterò assieme pezzo a pezzo la città perfetta, fatta di frammenti mescolati col resto, d'istanti separati da intervalli, di segnali che uno manda e non sa chi li raccoglie.
Se ti dico che la città cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla. Forse mentre noi parliamo sta affiorando sparsa entro i confini del tuo impero; puoi rintracciarla, ma a quel modo che t'ho detto.
Già il Gran Kan stava sfogliando nel suo atlante le carte delle città che minacciano negli incubi e nelle maledizioni: Enoch, Babilonia, Yahoo, Butua, Brave New World.
Dice: - Tutto è inutile, se l'ultimo approdo non può essere che la città infernale, ed è là in fondo che, in una spirale sempre più stretta, ci risucchia la corrente.
E Polo: - L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.
da "Le città invisibili", Italo Calvino



15 marzo 2006


Il duello triste in cui non vince nessuno e perdono le donne

Che duello triste, grigio, noioso, rigido, incravattato. Che duello "vecchio". Che duello maschile e maschilista. Che duello democristiano: non vince nessuno, perdono solo le donne.
Il premier ha detto e ripetuto che non ha trovato "signore" disponibili a venire a Roma e a lasciare la famiglia (!). Prodi ha messo insieme le solite due parole sulla presunta superiorità delle donne. Nessuno dei due ha avuto il fegato di fornire una cifra, un numeretto, uno straccio di impegno per garantire che il prossimo Governo sia più "femminile".
E' l'Italia, bellezza. Neanche una donna nei penosi talk show post-duello. Neanche una a pagarla oro in questa televisione nauseabonda e putrefatta. E Maurizio Belpietro, ospite da Mario Giordano a Studio Aperto, è stato pressoché l'unico a far notare come la vera debolezza di entrambi gli sfidanti fosse stata proprio la risposta sulle donne. Belpietro, ci pensate?
Non sappiamo se il duello avrebbe dovuto convincere gli indecisi. Sappiamo soltanto che la nostra metà femminile ha deciso che diserterà le urne. E sarebbe la prima volta.




permalink | inviato da il 15/3/2006 alle 12:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa


14 marzo 2006


Auguri

E' molto più di un compleanno. Sono mandorli e peschi che cominciano a sbocciare, sono perle da coltivare e sfregare tra le mani, sono tragitti inediti da percorrere a occhi chiusi. Sono le candele accese in ogni chiesa, noi che non siamo credenti, mano nella mano. Per ringraziare qualcuno o qualcosa, perché ci siamo. E' quel biglietto spiegazzato a Santa Maria in Trastevere, desideri fatti carta. Soffia, soffia forte. E dammi tempo per navigare ancora.

                                                            Il più bello dei mari 
                                                            è quello che non navigammo. 
                                                            Il più bello dei nostri figli 
                                                            non è ancora cresciuto. 
                                                            I più belli dei nostri giorni 
                                                            non li abbiamo ancora vissuti. 
                                                            E quello che vorrei dirti di più bello 
                                                            non te l'ho ancora detto. 
                                                                    
                                                                        (Nazim Hikmet)





permalink | inviato da il 14/3/2006 alle 17:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


13 marzo 2006


Navigare nel bosco

Ci sono tanti motivi per cui bisognerebbe leggere "Una barca nel bosco" di Paola Mastrocola. Proprio adesso, proprio in questo timido schiudersi di primavera, proprio in questi giorni di schiamazzi e grida, di maleducazioni e vergogne, di violenze e di detective stories da quattro soldi, di finti sorrisi e finte promesse.
La ragione è semplice. "Una barca nel bosco" è un libro dedicato agli esclusi. A chi non trova punti di riferimento. A chi si sente sfigato. Agli sradicati. Ai malati. A chi ancora pensa che la scuola sia un posto dove imparare. A chi non gliene frega niente della moda. A tutti coloro che hanno subito un'ingiustizia. Ai figli dei pescatori aspiranti latinisti. A chi ama gli alberi, la loro ostinazione a salire, salire, salire. A chi, come scrive l'autrice, "ama le isole o si sente egli stesso un'isola".
E' dedicato a tutte le barche che navigano nei boschi. A vista. E a testa alta.
Prima o poi raggiungeremo il mare.




permalink | inviato da il 13/3/2006 alle 14:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


10 marzo 2006


Un verso per il weekend



E se un epitaffio raccontasse la mia storia
ne avrei uno breve già bello pronto
Vorrei che di me fosse scritto sulla pietra
"Ho avuto una lite da innamorati con il mondo"


Robert Frost




permalink | inviato da il 10/3/2006 alle 16:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


9 marzo 2006


Notizie di perla

Le belle notizie sono come le perle. Corpi estranei piovuti all'improvviso dentro un'ostrica e cresciuti piano, senza fretta. Strati su strati di madreperla. Finché, all'improvviso, ce ne accorgiamo. Dalla luce.
Le belle notizie sono rare come le perle vere, non coltivate. Bisogna cercare tra migliaia di ostriche per trovarne una.
Le belle notizie sono lisce come le perle. Senza increspature, ombre, fori. Senza asperità. Ma sono ruvide, rivoluzionarie, perché in fondo sono accumuli di madreperla. Frammenti di gioielli scagliati distrattamente qua e là, e poi sorprendentemente concentrati per noi.
Le belle notizie vanno distinte dalle imitazioni, proprio come le perle.
Una volta trovate, però, vanno accarezzate, protette, esposte con orgoglio. Mai sciupate.
In bocca al lupo. 

                                                                Per A.

                                                Della perla e della vita 

                                                Dentro ti deflagra il fulmine 
                                                che ha fecondato la conchiglia, 
                                                tu lo conservi e culli 
                                                indisponente, elettrica 

                                                Grezza sei sporca, verdastra 
                                                mai sfera perfetta - 
                                                vai lucidata per diventare pallida 

                                                Per qualcuno sei soltanto 
                                                una lacrima, l’ultimo respiro 
                                                della conchiglia madre, 
                                                suo fiotto e figlio, 
                                                la sua assassina 

                                                Per altri sei luna di pietra 
                                                piovuta in fondo al mare, 
                                                riflesso argenteo fatto sasso 
                                                piombato giù dal cielo 

                                                Intarsi le porte di Gerusalemme 
                                                e incarni poteri divini: 
                                                guai a chi ti sogna 
                                                ché piangerà infelice 

                                                Io ti porto annodata 
                                                intorno al collo e ti tormento 
                                                come un ventaglio stropicciato 

                                                e non ho l’ardore di 
                                                sotterrarti e scorniciare il petto, 
                                                come se riuscissi a ricordarmi 
                                                grazie a te 
                                                stuprata dal mare 
                                                eppure vergine 

                                                di quanto possano coincidere 
                                                i contrari nella giostra su cui volo 

                                                dell’altalena esistenziale 
                                                relativa 
                                                su cui mi hanno spinto 
                                                un giorno di febbraio 
                                                per caso 

                                                senza che l’avessi chiesto. 

                                                            (emmeper)




permalink | inviato da il 9/3/2006 alle 16:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


7 marzo 2006


Sparie, lentamente, in dissolvenza

Adesso e fino al 9 aprile ci piacerebbe sparire, lentamente, in dissolvenza. Allungandoci a dismisura, per esempio, come il collo di una donna di Modigliani. O rimpicciolendoci come lillipuziani, senza nessun Gulliver che venga a disturbarci. Vorremmo restare vittime di un incantesimo: smettere di ascoltare le parole, riuscire a sentire solo la musica. Classica, se possibile. La Hammerklavier di Beethoven al posto delle promesse elettorali, il terzo concerto per piano di Rachmaninov invece del Grande Fratello, i sei concerti brandeburghesi di Bach in sostituzione dei litigiosi insopportabili arroganti privi-di-talento ragazzini di Amici.

Quanto sarebbe migliore questo mondo. Via le mail, i blog, il telefono, i fax, le chat, i forum: dovremmo tornare a valutare le persone, a scegliere gli amici, a incontrare gli amori, a scegliere chi votare sulla base di ciò che fanno e non di quello che dicono o scrivono. Soltanto per un mese, per carità. Soltanto per provare a vedere che cosa succederebbe. Forse la poesia ricomincerebbe a risuonarci dentro e rifiuterebbe di restare annidata tra le pagine dei libri, come un diversivo sbiadito per manager in cerca di se stessi. Magari ci ricorderemmo di una Natura che ostinatamente resiste ai nostri agguati. Ritireremmo fuori vecchie abitudini: da quant'è che non facciamo "una passeggiata"? Non un giro di shopping, non una maratona museale, non un tour dei locali, non un massacrante week-end turistico in offerta. Proprio una passeggiata. Inutile, rilassante, distensiva. Con le mani intrecciate dietro la schiena, fischiettando.




permalink | inviato da il 7/3/2006 alle 22:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa


3 marzo 2006


Un verso per il week-end

                                    Non respingere i sogni perché sono sogni. 
                                    Tutti i sogni possono 
                                    essere realtà, se il sogno non finisce. 
                                    La realtà è un sogno. Se sogniamo 
                                    Che la pietra è pietra, questo è la pietra. 
                                    Ciò che scorre nei fiumi non è acqua, 
                                    è un sognare, l’acqua, cristallina. 
                                    La realtà traveste 
                                    Il sogno, e dice: 
                                    “Io sono il sole, i cieli, l’amore”. 
                                    Ma mai si dilegua, mai passa, 
                                    se fingiamo di credere che è più che un sogno. 
                                    E viviamo sognandola. Sognare è il mezzo che l’anima ha 
                                    Perché non le fugga mai 
                                    Ciò che fuggirebbe se smettessimo 
                                    Di sognare che è realtà ciò che non esiste. 
                                    Muore solo 
                                    Un amore che ha smesso di essere sognato 
                                    Fatto materia e che si cerca sulla terra. 

                                    Pedro Salinas (da Largo lamento, Madrid, 1997)






permalink | inviato da il 3/3/2006 alle 22:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


2 marzo 2006


La replica di Ferroni, per par condicio

da Repubblica di oggi

Caro Baricco, io la recensisco
ma lei non mi legge


di GIULIO FERRONI

Caro Baricco, sono davvero pentito, ma non per la battuta contro Questa storia inserita nell'articolo su l'Unità del 26 febbraio, sì invece per aver scritto più volte su di lei, senza che lei abbia avuto la condiscendenza di leggermi. Ne ho scritto nel supplemento al Novecento della Storia della letteratura italiana Garzanti, ne ho scritto nell'ultimo volume, appena uscito, della Storia e antologia della letteratura italiana (Mondadori Università e Einaudi Scuola), e ho addirittura recensito (nel numero di dicembre della nuova rivista Giudizio Universale) il romanzo automobilistico Questa storia, che lei mi rimprovera letteralmente di non aver recensito.

Qui la differenza è grande: io la leggo, ahimè, senza ricavarne molto, e lei non legge me e ne ottiene un successo planetario. Se le sue emozioni e seduzioni invadono ogni angolo della terra, diffondendo quel virus apocalittico, quell'avvento dell'impensato con cui Citati e Ferroni dovrebbero confrontarsi, ciò vale certamente come un trionfo del made in Italy e dell'azienda Italia: ma non mi pare un trionfo della letteratura.

Certo la letteratura è passione, emergenza dell'imprevisto, conoscenza in profondità di ciò che non si vede: la sua mi sembra invece una letteratura patinata, proiettata sull'orizzonte di una trasgressione pubblicitaria, tra moda e sport... Il "campo aperto del futuro", che lei oppone a chi indugia a frequentare le "mappe di un vecchio mondo", non viene in realtà nemmeno sfiorato dalla "seduzione" mediatica che promana da quella sua scrittura così disinvolta, accattivante, appunto "sportiva".

Siamo proprio lontani da quell'abietto ma sconvolgente Truman Capote a cui è dedicato il film che lei è andato a vedere invece di Lazio-Roma: io ho visto sia il film che la partita e ne sono uscito doppiamente depresso (anche in quanto laziale).

Ma le garantisco che ulteriore motivo di depressione è stato per me sapere che in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico della mia università si è esibito il degnissimo cantante Claudio Baglioni, ma non per cantare, sì invece per leggere brani di Aristotele e del suo Novecento: lo vede che le parole dei critici non contano nulla, nemmeno nelle università dove essi insegnano, e i rettori affidano le scelte culturali a ben diversi soggetti? E allora che se ne può fare di recensioni che del resto nemmeno ha il tempo di leggere? Contrito, le prometto che non recensirò i suoi futuri romanzi, e semmai mi limiterò a qualche frecciatina da "primo che passa".

Un saluto cordiale.

(2 marzo 2006)




permalink | inviato da il 2/3/2006 alle 14:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


1 marzo 2006


Secondo noi ha ragione lui...

... e secondo voi?

Da Repubblica di oggi

Cari critici, ho diritto
a una vera stroncatura

di ALESSANDRO BARICCO

QUESTO è un articolo che non dovrei scrivere. Lo so. Me lo dico da me. E lo scrivo. Dunque. La scorsa settimana, su queste pagine, esce un articolo di Pietro Citati. Racconta quanto lo ha deliziato mettersi davanti al televisore e vedere i pattinatori-ballerini delle Olimpiadi. Lo deliziava a tal punto - scrive - che "dimenticavo tutto: le noie, le mediocrità, gli errori della mia vita; dimenticavo perfino "l'Iliade" di Baricco, e la vasta e incomprensibile ottusità dei volti di Roberto Calderoli e di Alfonso Pecoraro Scanio". Io ero lì, innocente, che mi leggevo con piacere l'esercizio di stile sull'argomento del giorno e, trac, mi arriva la coltellata. Va be', dico. E, giusto per mite rivalsa, lascio l'articolo e vado a leggermi l'Audisio.

Qualche giorno dopo, però, vedo sull'Unità un lungo articolo di Giulio Ferroni sull'ultimo libro di Vassalli. Bene, mi dico. Perché mi interessa sapere cosa fa Vassalli. Malauguratamente, alcuni dei racconti che ha scritto sono sul rapporto tra gli uomini e l'automobile.

Mentre leggevo la recensione sentivo che finivamo pericolosamente in area "Questa storia" (il mio ultimo romanzo, che parla anche di automobili). Con lo stato d'animo dell'agnello a Pasqua vado avanti temendo il peggio. E infatti, puntuale, quel che mi aspettavo arriva. Al termine di una lunghissima frase in cui si tessono (credo giustamente) elogi a Vassalli, arriva una bella parentesi. Neanche una frase, giusto una parentesi. Dice così: "Che distanza abissale dalla stucchevole e ammiccante epica automobilistica dell'ultimo Baricco!". E voilà. Con tanto di punto esclamativo.

Ora, nessuno è tenuto a saperlo, ma Citati e Ferroni sono, per il loro curriculum e per altre ragioni per me più imperscrutabili, due dei più alti e autorevoli critici letterari del nostro paese. Sono due mandarini della nostra cultura. Per la cronaca, Citati non ha mai recensito la mia "Iliade", e Ferroni non ha mai recensito "Questa storia". Il loro alto contributo critico sui miei due ultimi libri è racchiuso nelle due frasette che avete appena letto, seminate a infarcire articoli che non hanno niente a che vedere con me.

È un modo di fare che conosco bene, e che è piuttosto diffuso, tra i mandarini. Si aggirano nel salotto letterario, incantando il loro uditorio con la raffinatezza delle loro chiacchiere, e poi, con un'aria un po' infastidita, lasciano cadere lì che lo champagne che stanno bevendo sa di piedi. Risatine complici dell'uditorio, deliziato. Io sarei lo champagne.

Potrei dire che non me ne frega niente. Ma non è vero. Mi ferisce poco la gomitata assestata a tradimento, ma mi offende molto il fatto che sia tutto ciò di cui sono capaci. Mi sorprende il loro sistematico sottrarsi al confronto aperto. La critica è il loro mestiere, santo iddio, che la facciano. Cosa sono queste battutine trasversali messe lì per raccogliere l'applauso ottuso dei fedelissimi? Vi fa schifo che uno adatti l'Iliade per una lettura pubblica e lo faccia in quel modo? Forse è il caso di dirlo in maniera un po' più argomentata e profonda, chissà che ci scappi una riflessione utile sul nostro rapporto con il passato, chissà che non vi balugini l'idea che una nuova civiltà sta arrivando, in cui l'uso del passato non avrà niente a che fare con il vostro collezionismo raffinato e inutile.

E se trovate così stucchevole un libro che centinaia di migliaia di italiani si affrettano a leggere, e decine di paesi nel mondo si prendono la briga di tradurre, forse è il caso di darsi da fare per spiegare a tutta questa massa di fessi che si stanno sbagliando, e che la letteratura è un'altra cosa, e che a forza di dare ascolto a gente come me si finirà tutti in un mondo di illetterati dominati dal cinema e dalla televisione, un mondo in cui intelligenze come quelle di Citati e Ferroni faranno fatica a trovare uno stipendio per campare.

Si dirà che è un diritto dei critici scegliersi i libri di cui scrivere. E che anche il silenzio è un giudizio. E' vero. Ma non è completamente vero. Lo so che per persone intelligenti e colte come Citati e Ferroni i miei libri stanno alla letteratura come il fast-food alla cucina francese, o come la pornografia all'erotismo. Per usare una frase di Vonnegut che mi fa sempre tanto ridere, mi sa che per loro i miei libri, nel loro piccolo, stanno facendo alla letteratura quello che l'Unione Sovietica ha fatto alla democrazia (non si riferiva a me, Vonnegut, che purtroppo non sa nemmeno che esisto).

Ma quale arroganza intellettuale può indurre a pensare che non sia utile capire una degenerazione del genere, e magari spiegarla a chi non ha gli strumenti per comprenderla? Come si fa a non intuire che magari i miei libri sono poca cosa, ma lì i lettori ci trovano qualcosa che allude a un'idea differente di libro, di narrazione scritta, di emozione della lettura? Perché non provate a pensare che esattamente quello - una nuova, sgradevole, discutibile idea di piacere letterario - è il virus che è già in circolo nel sistema sanguigno dei lettori, e che magari molta gente avrebbe bisogno da voi che gli spiegaste cos'è questo impensabile che sta arrivando, e questa apparente apocalisse che li sta seducendo?

Non sarà per caso che la riflessione nel campo aperto del futuro vi impaurisce, e che preferite raccogliere consensi declinando da maestri mappe di un vecchio mondo che ormai conosciamo a memoria, rifiutandovi di prendere atto che altri mondi sono stati scoperti, e la gente già ci sta vivendo? Se quei mondi vi fanno ribrezzo, e la migrazione massiccia verso di loro vi scandalizza, non sarebbe esattamente vostro degnissimo compito il dirlo? Ma dirlo con l'intelligenza e la sapienza che la gente vi riconosce, non con quelle battutine, please.

Per quello che ne capisco, i miei libri saranno presto dimenticati, e andrà già bene se rimarrà qualche memoria di loro per i film che ci avranno girato su. Così va il mondo. E comunque, lo so, i grandi scrittori, oggi, sono altri. Ma ho abbastanza libri e lettori alle spalle per poter pretendere dalla critica la semplice osservanza di comportamenti civili. Lo dico nel modo più semplice e mite possibile: o avete il coraggio e la capacità di occuparvi seriamente dei miei libri o lasciateli perdere e tacete. Le battute da applauso non fanno fare una bella figura a me, ma neanche a voi.
Ecco fatto. Quel che avevo da dire l'ho detto.

Adesso vi dico cosa avrei dovuto fare, secondo il galateo perverso del mio mondo, invece che scrivere questo articolo. Avrei dovuto stare zitto (magari distraendomi un po' ripassando il mio estratto conto, come sempre mi suggerisce, in occasioni come queste, qualche giovane scrittore meno fortunato di me), e lasciar passare un po' di tempo. Poi un giorno, magari facendo un reportage su, che ne so, il Kansas, staccare lì una frasetta tipo "questi rettilinei nella pianura, interminabili e pallosi come un articolo di Citati". Il mio pubblico avrebbe gradito. Poi, un mesetto dopo, che so, andavo a vedere la finale di baseball negli Stati Uniti, e avrei sicuramente trovato il modo di chiosare, in margine, che lì si beve solo birra analcolica, "triste e inutile come una recensione di Ferroni". Risatine compiacenti. Pari e patta. E' così che si fa da noi. Pensate che animali siamo, noi intellettuali, e che raffinata lotta per la vita affrontiamo ogni giorno nella dorata giungla delle lettere...

Purtroppo però non è andata così. Il fatto è che l'altro giorno ho visto il film su Truman Capote. Si impara sempre qualcosa spiando i veri grandi. Lui in quel film è così orrendo, spregevole, sbagliato, megalomane, imprudente, indifendibile. Mi ha ricordato una cosa, che talvolta insegno perfino a scuola, e che però mi ostino a dimenticare. Che il nostro mestiere è, innanzitutto, un fatto di passione, cieca, maleducata, aggressiva e vergognosa. Posa su una autostima delirante, e su un'incondizionata prevalenza del talento sulla ragionevolezza e sulle belle maniere. Se perdi quella prossimità al nocciolo sporco del tuo gesto, hai perso tutto. Scriverai solo cosette buone per una recensione di Ferroni (no, scherzo, davvero, è uno scherzo). Scriverai solo cosette che non faranno male a nessuno.

Insomma è tutta colpa di quel film su Truman Capote. D'improvviso mi è sembrato così falso starmene lì, come una bella statuina, a prendere sberle dal primo che passa. E' una cosa che non c'entra niente col mestiere che è il mio. Vedi, se me ne stavo a casa a vedere Lazio-Roma, oggi eravamo tutti più sereni e tranquilli. E penosi, of course.




permalink | inviato da il 1/3/2006 alle 17:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio   <<  1 | 2  >>   aprile
 
rubriche
Diario
LetterariaMente
Post-it
Pennellanea
Cinemascopico
Che vuol dire il modo di dire?
Amarcord
Femminismi
Tipi moderni
I nostri racconti
Le nostre poesie
Italia nostra
Dalla parte delle bambine

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Angeli/ 1
Angeli/ 2
Economia sociale e solidale
Donne, alt al silenzio
Per chi crede che il femminismo sia morto
Più che teatro
L'archivio del genio
Più che fantascienza
Come lui nessuno più
Zittino Bob parla
Culture dialoganti/ 1
Culture dialoganti/ 2

BLOG PREZIOSI

Il blog apolide
Ciro Monacella, la Partenope che vale
Demetrio postraumatico
Quel vulcano di Tonino
NeveDiCarne: sentirete parlare di lei
Arturo
Valhalla: per chi ama l'Oriente (e non solo)
Oldman: contro il sonno della ragione
Understatement: tecniche di sopravvivenza
Irlanda: libertà prima di tutto
Nomefaltanada: sane follie
Almalù: parole danzanti
Sbloggata: fuori di blog
Napolino: bravo bravissimo
Marynonpersempre: donna, e laica
Crisalide: il cambiamento è già qui
Da Lù: spazi intelligenti
Jericho: dolce come Ambrosia
Vetro: taglia ma non morde
LETTERATURA&DINTORNI

Bombacarta
Vibrisselibri
Vibrisse
Via Delle Belle Donne
Lisa, poesia d'autore
iQuindici
La Poesia e lo Spirito
Cose che bisognerebbe leggere
Nazione indiana
Gaja Sinestetica
Ramona: curare raccontando
Ramona: il diario continua
I cazzeggi letterari di Lucio Angelini
Il lettore lento per eccellenza
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom