.
Annunci online

bloGodot [ Godot è arrivato e non ci piace ]
 



Mantra mattutino

ESTRAGONE Didi.

VLADIMIRO Sì.

ESTRAGONE Non posso più andare avanti così.

VLADIMIRO Sono cose che si dicono.

ESTRAGONE Se provassimo a lasciarci? Forse le cose andrebbero meglio.

VLADIMIRO C’impiccheremo domani. (Pausa). A meno che Godot non venga. ESTRAGONE E se viene?

VLADIMIRO Saremo salvati. (Vladimiro si toglie il cappello – che è quello di Lucky – ci guarda dentro, ci passa la mano, lo scuote, lo rimette in testa).

da "Waiting for Godot", Samuel Beckett


Mantra notturno

Che cosa significa “la realtà”? [...] A volte sembra nascondersi dietro forme troppo lontane perché ci sia possibile capire la loro vera natura. Ma qualunque cosa essa tocchi, viene fissata e resa permanente. E' questo che ci resta, quando abbiamo gettato dietro la siepe la buccia vuota del giorno; è questo che ci resta del tempo passato, dei nostri amori e delle nostre avversioni.

da “Una stanza tutta per sé”, Virginia Woolf



Per non morire mai

And did you get what
you wanted from this life, even so?
I did.
And what did you want?
To call myself beloved, to feel myself
beloved on the earth.

E hai ottenuto quello che
volevi da questa vita, nonostante tutto?
Sì.
E cos’è che volevi?
Potermi dire amato, sentirmi
amato sulla terra.

"Late fragment", Raymond Carver



Per avere una meta

L'atlante del Gran Kan contiene anche le carte delle terre promesse visitate nel pensiero ma non ancora scoperte o fondate: la Nuova Atlantide, Utopia, la Città del Sole, Oceana, Tamoé, Armonia, New-Lanark, Icaria.
Chiese a Marco Kublai: - Tu che esplori intorno e vedi i segni, saprai dirmi verso quale di questi futuri ci spingono i venti propizi.
- Per questi porti non saprei tracciare la rotta sulla carta né fissare la data dell'approdo. Alle volte mi basta uno scorcio che s'apre nel bel mezzo d'un paesaggio incongruo, un affiorare di luci nella nebbia, il dialogo di due passanti che s'incontrano nel viavai, per pensare che partendo di lì metterò assieme pezzo a pezzo la città perfetta, fatta di frammenti mescolati col resto, d'istanti separati da intervalli, di segnali che uno manda e non sa chi li raccoglie.
Se ti dico che la città cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla. Forse mentre noi parliamo sta affiorando sparsa entro i confini del tuo impero; puoi rintracciarla, ma a quel modo che t'ho detto.
Già il Gran Kan stava sfogliando nel suo atlante le carte delle città che minacciano negli incubi e nelle maledizioni: Enoch, Babilonia, Yahoo, Butua, Brave New World.
Dice: - Tutto è inutile, se l'ultimo approdo non può essere che la città infernale, ed è là in fondo che, in una spirale sempre più stretta, ci risucchia la corrente.
E Polo: - L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.
da "Le città invisibili", Italo Calvino



9 luglio 2008


Italia nostra/ La piazza e le piazzate

 





Noi eravamo in piazza, ieri, nonostante il pancione di otto mesi. Anzi: grazie al pancione di otto mesi. Perché quando si porta il futuro in grembo, ci si preoccupa ancora di più che sia sano, onesto, ricco dei valori in cui crediamo.
Piazza Navona non era un covo di maleducati: era un'agorà civilissima, pacifica e critica. Fa malissimo leggere i resoconti della manifestazione, fa ancora peggio guardare i telegiornali. E' successo ancora una volta quanto denuncia Marco Travaglio: i fatti - il malessere di 50mila persone radunate per dare voce al proprio disagio - scompaiono per lasciare il campo alle opinioni dei soliti noti, alle piazzate dei potenti. Così in Tv e sui quotidiani impazza la corsa alla dichiarazione di chi non c'era, l'orda dei Commentatori indignati. E dell'adunata restano soltanto le frasi a effetto, i picchi di esasperazione trasformati in invettive dall'assenza del contesto.

Non c'è traccia della protesta civilissima contro la norma blocca-processi e contro lo scambio - quello sì, vergognoso - sul lodo Alfano. Si smarrisce il senso della delusione nei confronti del Pd, accusato a ragione di non fare la dovuta opposizione. Non si comprendono le espressioni colorite di Sabina Guzzanti (riprendiamo qui le due parti del suo intervento disponibili su YouTube), perché nessuno racconta il nocciolo del suo intervento: la rabbia contro il trattamento che il premier in carica riserva alle donne. Noi siamo d'accordo con lei: la nomina di Mara Carfagna a ministro delle Pari opportunità è "uno sfregio". Dove sta lo scandalo? Non sanno tutti che l'unico merito della ministra sta nella sua bellezza e nel favore che gode presso Berlusconi? A che servono altre intercettazioni pruriginose?

La giornata di oggi ci ha confermato la lontananza dei Palazzi - della politica e dei media - dalla piazza di ieri. In mezzo, purtroppo, ci sono milioni di italiani inerti e inetti, abbarbicati intorno ai propri micro-interessi da quattro soldi, poveri illusi contenti di non pagare l'Ici senza accorgersi che i fondi andranno trovati e tagliati altrove, ignoranti privi di senso civico, individualisti convinti che la comunità non esista.
A noi 50mila lasciate la piazza, almeno. Avete già rubato tutto il resto.

L'articolo del Clarin sulle intercettazioni italiane a luci rosse citato dalla Guzzanti

La lettera della Guzzanti al Corriere della Sera




permalink | inviato da bloGodot il 9/7/2008 alle 15:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa


3 luglio 2008


Femminismi/ Rattusi al potere



Dev'essere dura la vita delle donne che frequentano certi ambienti.
Bollate come pazze dal premier che telefona per far loro ottenere una particina in una fiction che non ricorderà nessuno.
Ridotte al lumicino dopo festini a base di sesso e cocaina con gli onorevoli.
Nominate ministri senza avere un briciolo di competenza, soltanto in virtù dell'essere strafighe.
Obbligate a fare sesso con portavoci molto poco piacenti per "sfondare", ovvero (!) per arrivare a sposarsi con miliardari ex play-boy un tempo affascinanti oggi cascanti.
"Creature" di. Amiche di. Amanti di. Protette di.
Costrette a sopportare continui commenti piccanti, battute pseudo-salaci da sfigati (d'alto bordo, ma sempre sfigati). A casa della nostra metà femminile, nell'ameno Sud Pontino che lo ha mutuato dal napoletano, li chiamano "rattusi" (per una bella spiegazione del termine leggete qui). Trattasi di uomini, per lo più over 50, dotati di occhi porcini e mani leste, altrimenti detti "viscidoni", che altro non vedono nell'universo femminile che paradisiaci concentrati di culi, tette, pelli levigate e capelli setosi: elisir di giovinezza in carne e ossa, facilissimi da mandar giù se si dispone di potere. Ma che diciamo potere! Basta un micro-incarico, un posticino da usciere o impiegato in un luogo strategico, un sottosegretariato, una poltrona in Consiglio regionale, un teleromanzo da dirigere, un amico di un amico che fa il casting per un varietà.

La carica dei rattusi al potere - guai a chiamarli "magnaccia", guai (la Finocchiaro s'indigna di nuovo e, dati i precedenti, abbiamo capito che ci è) - arriva a farci rimpiangere i democristiani della prima ora, i preti laici, i padri di famiglia che facevano i diaconi in parrocchia. Resta un dubbio: è il potere a fare il rattuso o il rattuso a conquistare il potere? Nell'Italia del 2008 propendiamo per la seconda. Consci che con i rattusi al comando muore il mito del maschio italico, sopraffatto da ometti tinti e goffi, da trapianti di capelli e quintali di cerone, da abbronzature artificiali, scarpe col tacco e sorrisetti ammiccanti. Sia chiaro: mica è solo il Berlusca. La rattusaggine dilaga a destra e a sinistra.
Fossimo nei vitelloni scenderemmo in piazza.




permalink | inviato da bloGodot il 3/7/2008 alle 14:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        settembre
 
rubriche
Diario
LetterariaMente
Post-it
Pennellanea
Cinemascopico
Che vuol dire il modo di dire?
Amarcord
Femminismi
Tipi moderni
I nostri racconti
Le nostre poesie
Italia nostra
Dalla parte delle bambine

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Angeli/ 1
Angeli/ 2
Economia sociale e solidale
Donne, alt al silenzio
Per chi crede che il femminismo sia morto
Più che teatro
L'archivio del genio
Più che fantascienza
Come lui nessuno più
Zittino Bob parla
Culture dialoganti/ 1
Culture dialoganti/ 2

BLOG PREZIOSI

Il blog apolide
Ciro Monacella, la Partenope che vale
Demetrio postraumatico
Quel vulcano di Tonino
NeveDiCarne: sentirete parlare di lei
Arturo
Valhalla: per chi ama l'Oriente (e non solo)
Oldman: contro il sonno della ragione
Understatement: tecniche di sopravvivenza
Irlanda: libertà prima di tutto
Nomefaltanada: sane follie
Almalù: parole danzanti
Sbloggata: fuori di blog
Napolino: bravo bravissimo
Marynonpersempre: donna, e laica
Crisalide: il cambiamento è già qui
Da Lù: spazi intelligenti
Jericho: dolce come Ambrosia
Vetro: taglia ma non morde
LETTERATURA&DINTORNI

Bombacarta
Vibrisselibri
Vibrisse
Via Delle Belle Donne
Lisa, poesia d'autore
iQuindici
La Poesia e lo Spirito
Cose che bisognerebbe leggere
Nazione indiana
Gaja Sinestetica
Ramona: curare raccontando
Ramona: il diario continua
I cazzeggi letterari di Lucio Angelini
Il lettore lento per eccellenza
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom