.
Annunci online

bloGodot [ Godot è arrivato e non ci piace ]
 



Mantra mattutino

ESTRAGONE Didi.

VLADIMIRO Sì.

ESTRAGONE Non posso più andare avanti così.

VLADIMIRO Sono cose che si dicono.

ESTRAGONE Se provassimo a lasciarci? Forse le cose andrebbero meglio.

VLADIMIRO C’impiccheremo domani. (Pausa). A meno che Godot non venga. ESTRAGONE E se viene?

VLADIMIRO Saremo salvati. (Vladimiro si toglie il cappello – che è quello di Lucky – ci guarda dentro, ci passa la mano, lo scuote, lo rimette in testa).

da "Waiting for Godot", Samuel Beckett


Mantra notturno

Che cosa significa “la realtà”? [...] A volte sembra nascondersi dietro forme troppo lontane perché ci sia possibile capire la loro vera natura. Ma qualunque cosa essa tocchi, viene fissata e resa permanente. E' questo che ci resta, quando abbiamo gettato dietro la siepe la buccia vuota del giorno; è questo che ci resta del tempo passato, dei nostri amori e delle nostre avversioni.

da “Una stanza tutta per sé”, Virginia Woolf



Per non morire mai

And did you get what
you wanted from this life, even so?
I did.
And what did you want?
To call myself beloved, to feel myself
beloved on the earth.

E hai ottenuto quello che
volevi da questa vita, nonostante tutto?
Sì.
E cos’è che volevi?
Potermi dire amato, sentirmi
amato sulla terra.

"Late fragment", Raymond Carver



Per avere una meta

L'atlante del Gran Kan contiene anche le carte delle terre promesse visitate nel pensiero ma non ancora scoperte o fondate: la Nuova Atlantide, Utopia, la Città del Sole, Oceana, Tamoé, Armonia, New-Lanark, Icaria.
Chiese a Marco Kublai: - Tu che esplori intorno e vedi i segni, saprai dirmi verso quale di questi futuri ci spingono i venti propizi.
- Per questi porti non saprei tracciare la rotta sulla carta né fissare la data dell'approdo. Alle volte mi basta uno scorcio che s'apre nel bel mezzo d'un paesaggio incongruo, un affiorare di luci nella nebbia, il dialogo di due passanti che s'incontrano nel viavai, per pensare che partendo di lì metterò assieme pezzo a pezzo la città perfetta, fatta di frammenti mescolati col resto, d'istanti separati da intervalli, di segnali che uno manda e non sa chi li raccoglie.
Se ti dico che la città cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla. Forse mentre noi parliamo sta affiorando sparsa entro i confini del tuo impero; puoi rintracciarla, ma a quel modo che t'ho detto.
Già il Gran Kan stava sfogliando nel suo atlante le carte delle città che minacciano negli incubi e nelle maledizioni: Enoch, Babilonia, Yahoo, Butua, Brave New World.
Dice: - Tutto è inutile, se l'ultimo approdo non può essere che la città infernale, ed è là in fondo che, in una spirale sempre più stretta, ci risucchia la corrente.
E Polo: - L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.
da "Le città invisibili", Italo Calvino



7 settembre 2006


Tipi moderni/ Scusa, non ho tempo



Il titolo di questo bellissimo quadro di Godward è "Dolce far niente".
Siamo in pochi, ormai, a ricordare il significato di queste parole. Se continuiamo così, lo sapranno sempre meno i nostri figli e arriveranno ad ignorarlo i nostri nipoti.
Stamattina ascoltavamo come al solito Radio24, prima di entrare al lavoro. Si parlava di "banche del tempo", associazioni nate più o meno spontaneamente in tutta Italia per lo scambio di ore e di saperi. Io faccio la spesa e in cambio tu vai in banca a pagare le bollette. Io aiuto tuo figlio a fare i compiti e tu in cambio fai compagnia a mio nonno. Io ti insegno a usare il computer e tu mi prepari una cenetta succulenta. Cose così.

A scanso di equivoci: le banche del tempo sono iniziative lodevoli, create soprattutto dalle donne per un'esigenza più che legittima. Riuscire a organizzarsi senza affogare tra lavoro, casa e figli.
Ma non abbiamo potuto fare a meno di sopprimere il pensiero che ci frullava per la testa: "Come ci siamo ridotti...".

Abbiamo perso, insieme al tempo, un'infinità di privilegi. Quelli che si nascondevano nelle interminabili partite a carte degli anziani nei bar dei paesi. Quelli dell'alternanza tra conversazioni e silenzi cui eravamo abituati quando si comunicava soltanto a voce, faccia a faccia, corpo verso corpo. Quando si poteva sentire l'odore di ognuno e si era capaci di leggere i gesti oltre le parole. Abbiamo lasciato andare il lusso dell'ozio - senza chiedere nulla in cambio - barattandolo con la grossa fregatura del cosiddetto "tempo libero". Che non è libero per niente. Di fronte allo spettro della noia abbiamo ceduto, riempiendo le giornate nostre e dei nostri bambini di appuntamenti vuoti, impegni ciechi, commissioni inutili. Prendendo il "dolce far niente" come una dichiarazione di incapacità, nullità, emarginazione sociale. Abbiamo capovolto il proverbio "il tempo è denaro", asservendo il primo al secondo, cambiandone i connotati, violentandone la natura.

Non abbiamo tempo perché lo abbiamo venduto. Ma, ne siamo certi, il tempo si vendicherà. Lui ha tutto il tempo che vuole.




permalink | inviato da il 7/9/2006 alle 14:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa


16 febbraio 2006


Tipi moderni/ Gli ammazzasogni



C'è gente che se ne va in giro ad ammazzare i sogni altrui. Ancora non abbiamo capito se lo fanno metodicamente, con gusto, o se - miseri - lo fanno per qualche bislacca componente genetica che li rende talmente iperrazionali da trasformarli in killer scientifici dell'immaginazione.

Stiamo parlando di quelle persone capaci di mettere a tacere qualsiasi entusiasmo. I trionfatori di conversazioni del genere:
- Finalmente 15 giorni di ferie
- Tanto poi si deve tornare

Oppure:
- Abbiamo deciso di sposarci
- Tutti futuri soldi per gli avvocati

Oppure ancora:
- Tizia è incinta!
- Oddio che coraggio

Gli ammazzasogni sono disseminati ovunque. Alcuni sono espliciti: l'omicidio dell'entusiasmo avviene attraverso le parole. I peggiori, però, sono quelli che silenziano anche soltanto l'idea di una felicità futura con l'espressione del volto.
- Che ne dici, andiamo a Vienna per la mostra di Schiele? (sorriso e occhi che brillano)
- Certo, bisogna vedere soltanto come organizzarci (improvviso velo sugli occhi, labbra serrate, perle di sudore sulle tempie)
 
Non è pessimismo, capite? E' un'idiosincrasia con la gioia e i progetti altrui, una forma estrema di egoismo: "Nulla di ciò che riguarda gli altri è meritevole di una mia compartecipazione emotiva".
Passerà pure per distacco o aplomb (tanto chic, di questi tempi), ma a noi non piace.
Evviva la mediterraneità, evviva chi partecipa col cuore, evviva chi sa sorridere con chi sorride.
Soltanto loro sanno poi piangere con chi piange.




permalink | inviato da il 16/2/2006 alle 18:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


30 gennaio 2006


Tipi moderni/ Tu mi parli, io non ti sento



Oggi come oggi bisognerebbe inventare dei corsi per insegnare ad ascoltare.

"Che fai nel pomeriggio?"
"Alle tre ho inglese, alle quattro pianoforte, alle cinque gym music e alle sei ascolto"
"Ascolto? E che cos'è?"
"Niente di particolare: siamo in gruppo e l'insegnante ci insegna a stare zitti per un'ora, ascoltando storie"
"E non basterebbe stare un'ora davanti alla televisione?"
"Oddio no! E' proprio questo il punto. Il punto è che non si può cambiare canale. Devi ascoltare quello che l'insegnante o i suoi ospiti raccontano. E alla fine devi saper ricordare almeno un particolare delle loro storie"
"Dev'essere una noia mortale"
"Già, ma dicono che sia utile. Dicono"

Magari ci fossero dei corsi così. Lezioni per re-imparare l'arte della conversazione, quella antica basata sul contraddittorio. Io parlo, tu parli, ma ci ascoltiamo, seguiamo il filo del discorso. Il logos. 
Non ci avete fatto caso? Oggi nessuno ascolta più. Siamo tutti troppo impegnati a raccontarci, a vomitare addosso agli altri che cosa abbiamo e che cosa facciamo. Mai, o quasi mai, chi siamo. Capita, per strada, di cogliere dialoghi simili:

"Finalmente ieri sera sono uscita con Davide!"
"Sì, ma ti ricordi Federica?"
"E' stato tenerissimo, anche se sta ancora con quella"
"L'ho incontrata l'altra sera al pub"
"Guarda, per ora preferisco non chiedergli nulla e godermi l'attimo"
"Lei mi ha chiesto pure di te..."
"Ehi, mica le hai raccontato qualcosa?"
"Di che?"
"Di Davide, no? E di che stiamo parlando?"

Le nostre conversazioni scoppiano di corti circuiti simili. 

Oggi viviamo nella cultura del saccheggio generalizzato", scrive il critico d'arte Francesco Bonami in un brevissimo fulminante articolo su D Donna di Repubblica. "Il saccheggio, oggi, non si limita alle cose e ai beni di consumo, si estende alle immagini, ai corpi delle persone, al denaro, alle idee, per finire arraffando l'identità dell'individuo. Prendere, inghiottire, ogni mezzo è lecito. (...) La nostra società è diventata un bocchettone, i nostri occhi sono diventati due bocche. Il fast food è anche fast image. Davanti ai musei ci mettiamo in fila per la nostra razione mensile di Monet in scatola, come accadeva in Unione sovietica per comprare il pane. Immagini, nostro pane quotidiano, televisione, nostro forno microonde. Deglutiamo cartoline, manifesti, magliette. la memoria storica si è trasformata in memoria settimanale".

I nostri occhi sono diventati due bocche.
 Verissimo. Ma la questione non è soltanto la voracità d'immagini, il saccheggio estetico. "Avere successo significa poter invadere la realtà, non trasformarla", sostiene Bonami.

In questo ipertrofismo generalizzato di occhi e bocche, di pronomi di prima persona singolare ripetuti ossessivamente, di presenze forsennate che invadono la nostra realtà tentando di autoaccreditarsi come i nostri interlocutori per il solo fatto di esserci, noi speriamo che le orecchie non si atrofizzino del tutto. Cominciamo ad esercitarci: per dieci minuti al giorno sforziamoci di ascoltare chi ci parla. Senza cambiare canale prima, senza sintonizzarci subito sulle frequenze rassicuranti dell'IO.
Magari, ascoltando davvero, qualcuno di noi potrà anche imparare a capire quante cazzate ci raccontano. E a dire: "No, grazie. Adesso voglio ascoltare qualcun altro". Perché le parole, come diceva Carver (sempre lui), "sono tutto quello che abbiamo: perciò è meglio che siano quelle giuste".




permalink | inviato da il 30/1/2006 alle 13:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa


5 dicembre 2005


Tipi moderni/ I signori distinti e l'esercito dei pinguini

Ancora oggi capita spesso di appellare qualcuno con l'aggettivo "distinto". Un signore "distinto" - si legge nel dizionario De Mauro - dovrebbe essere "raffinato ed elegante nell'aspetto e nel comportamento".
Poiché il termine è saltato fuori a cena sabato con la Sister, ci siamo ripromessi di farne un post. Inaugurando una rubrica apposita per creare una galleria di personaggi contemporanei.
Il fatto è che la categoria della "distinzione", oggi, non regge più. Non in quel senso, almeno. Un agente immobiliare è "distinto" quanto e più di un giudice. Ogni funzionario aziendale, dall'usciere all'amministratore delegato, veste la medesima casacca. Le pause pranzo trasformano le strade delle città in distese artiche popolate da eserciti di pinguini in grigio, nero e blu. Rigorosamente incravattati, anche se nessuno vi dirà mai di amare quel laccio intorno al collo che chiamano cravatta.

Allora ci chiediamo: possiamo definire "distinti" pinguini indistinguibili? Se sì, distinti da chi e da che cosa? Non sarà che la distinzione come categoria del pensiero, indagata da fior fior di filosofi, sta marcendo nel conformismo?




permalink | inviato da il 5/12/2005 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio       
 
rubriche
Diario
LetterariaMente
Post-it
Pennellanea
Cinemascopico
Che vuol dire il modo di dire?
Amarcord
Femminismi
Tipi moderni
I nostri racconti
Le nostre poesie
Italia nostra
Dalla parte delle bambine

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Angeli/ 1
Angeli/ 2
Economia sociale e solidale
Donne, alt al silenzio
Per chi crede che il femminismo sia morto
Più che teatro
L'archivio del genio
Più che fantascienza
Come lui nessuno più
Zittino Bob parla
Culture dialoganti/ 1
Culture dialoganti/ 2

BLOG PREZIOSI

Il blog apolide
Ciro Monacella, la Partenope che vale
Demetrio postraumatico
Quel vulcano di Tonino
NeveDiCarne: sentirete parlare di lei
Arturo
Valhalla: per chi ama l'Oriente (e non solo)
Oldman: contro il sonno della ragione
Understatement: tecniche di sopravvivenza
Irlanda: libertà prima di tutto
Nomefaltanada: sane follie
Almalù: parole danzanti
Sbloggata: fuori di blog
Napolino: bravo bravissimo
Marynonpersempre: donna, e laica
Crisalide: il cambiamento è già qui
Da Lù: spazi intelligenti
Jericho: dolce come Ambrosia
Vetro: taglia ma non morde
LETTERATURA&DINTORNI

Bombacarta
Vibrisselibri
Vibrisse
Via Delle Belle Donne
Lisa, poesia d'autore
iQuindici
La Poesia e lo Spirito
Cose che bisognerebbe leggere
Nazione indiana
Gaja Sinestetica
Ramona: curare raccontando
Ramona: il diario continua
I cazzeggi letterari di Lucio Angelini
Il lettore lento per eccellenza
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom