.
Annunci online

bloGodot [ Godot è arrivato e non ci piace ]
 



Mantra mattutino

ESTRAGONE Didi.

VLADIMIRO Sì.

ESTRAGONE Non posso più andare avanti così.

VLADIMIRO Sono cose che si dicono.

ESTRAGONE Se provassimo a lasciarci? Forse le cose andrebbero meglio.

VLADIMIRO C’impiccheremo domani. (Pausa). A meno che Godot non venga. ESTRAGONE E se viene?

VLADIMIRO Saremo salvati. (Vladimiro si toglie il cappello – che è quello di Lucky – ci guarda dentro, ci passa la mano, lo scuote, lo rimette in testa).

da "Waiting for Godot", Samuel Beckett


Mantra notturno

Che cosa significa “la realtà”? [...] A volte sembra nascondersi dietro forme troppo lontane perché ci sia possibile capire la loro vera natura. Ma qualunque cosa essa tocchi, viene fissata e resa permanente. E' questo che ci resta, quando abbiamo gettato dietro la siepe la buccia vuota del giorno; è questo che ci resta del tempo passato, dei nostri amori e delle nostre avversioni.

da “Una stanza tutta per sé”, Virginia Woolf



Per non morire mai

And did you get what
you wanted from this life, even so?
I did.
And what did you want?
To call myself beloved, to feel myself
beloved on the earth.

E hai ottenuto quello che
volevi da questa vita, nonostante tutto?
Sì.
E cos’è che volevi?
Potermi dire amato, sentirmi
amato sulla terra.

"Late fragment", Raymond Carver



Per avere una meta

L'atlante del Gran Kan contiene anche le carte delle terre promesse visitate nel pensiero ma non ancora scoperte o fondate: la Nuova Atlantide, Utopia, la Città del Sole, Oceana, Tamoé, Armonia, New-Lanark, Icaria.
Chiese a Marco Kublai: - Tu che esplori intorno e vedi i segni, saprai dirmi verso quale di questi futuri ci spingono i venti propizi.
- Per questi porti non saprei tracciare la rotta sulla carta né fissare la data dell'approdo. Alle volte mi basta uno scorcio che s'apre nel bel mezzo d'un paesaggio incongruo, un affiorare di luci nella nebbia, il dialogo di due passanti che s'incontrano nel viavai, per pensare che partendo di lì metterò assieme pezzo a pezzo la città perfetta, fatta di frammenti mescolati col resto, d'istanti separati da intervalli, di segnali che uno manda e non sa chi li raccoglie.
Se ti dico che la città cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla. Forse mentre noi parliamo sta affiorando sparsa entro i confini del tuo impero; puoi rintracciarla, ma a quel modo che t'ho detto.
Già il Gran Kan stava sfogliando nel suo atlante le carte delle città che minacciano negli incubi e nelle maledizioni: Enoch, Babilonia, Yahoo, Butua, Brave New World.
Dice: - Tutto è inutile, se l'ultimo approdo non può essere che la città infernale, ed è là in fondo che, in una spirale sempre più stretta, ci risucchia la corrente.
E Polo: - L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.
da "Le città invisibili", Italo Calvino



3 aprile 2007


Confermare, congratularci, chiedere perdono/ Atto III


Natalia Sergeevna Goncharova, Le lavandaie (1911)

"I buoni e i cattivi risultati delle nostre parole e delle nostre azioni si vanno distríbuendo, presumibilmente in modo alquanto uniforme ed equilibrato, in tutti i giorni del futuro, compresi quelli, infiniti, in cui non saremo piú qui
per poterlo confermare,  per congratularci o chiedere perdono"
José Saramago, "Cecità"


Atto III - Il perdono

Te lo giuro, te lo giuro, io no ho fatto niente. Solo dato le medicine e poi cambiato il pannolone in bagno. Si era messo a dormire, tranquillo. Russava pure. Era steso a pancia all’aria, con la canottiera bianca e i mutandoni, perché faceva caldo e ho pensato che no dovevo mettergli il pigiama. E’ di flanella, è troppo pesante. Adesso è maggio. Al mio Paese, a maggio, andiamo in campagna dove ci sono i cani che piacciono a mio fratello. Mio fratello pure era venuto qua in Italia, era stato in Sardegna a raccogliere la frutta. Ma poi è tornato a Constanta, perché lui dice che è solo rumeno, no è mica un robot, no può lavorare sette giorni senza pause, dalla mattina a sera.
Io prima lavoravo in fabbrica. Facevo le fatture e le portavo a un’altra collega. Non avevo tanti amici, a parte i colleghi. Mi hanno mandato un messaggio sul cellulare, ieri, perché sono andati sui Carpazi dove eravamo stati insieme. E’ un posto bellissimo, molto interessante. Qualche volta andavamo a mangiare da Mc Donald’s, perché tutto il resto costa troppo. Io guadagnavo 350.000 lei al mese. Non lo so in euro quanti sono, però il cinema costa 25.000 lei, la pizza 50.000. Non ci potevamo comprare niente senza rate. In Romania tutti vanno in una specie di banca: loro ti fanno le rate, così tu puoi comprare le cose. Io per tre anni devo pagare i mobili della camera. Ma lo stipendio era troppo poco, quando papà si è ammalato e no poteva più lavorare e la pensione era poca. Allora quando un’amica di famiglia mi ha detto che veniva in Italia sono venuta pure io.
Quando ti ho visto, ho pensato che anch’io mi volevo vestire come te. Mi piace la tua gonna nera lunga e la maglia verde con i fiorellini e le scarpe con i brillantini davanti, quelle che ti ho chiesto di provare quando hai tempo. Perché tu corri sempre. Io credo che gli vuoi bene a tuo padre, che è così vecchio e no riesce più a fare pipì da solo. E lo vedo che no hai tempo per stargli dietro, perché lui ha bisogno qualche volta di essere imboccato e a volte dice cose senza senso, come quel Natale che no ti riconosceva e diceva che i tuoi stivali erano fatti bene perché arrivavano dal Giappone dopo la guerra. Io lo capisco, lui no è scemo e no è neanche pazzo. E’ solo vecchio e stanco. Lo perdono anche quando mi mette una mano sul seno e stringe e ride come
un bambino. Anch’io rido, gliela tolgo e lo faccio parlare di Margherita, di tua madre. Che quando lavorava al negozio la guardavano tutti. Che lui le regalava le rose fino a quando è morta. Che una volta l’ha chiusa fuori dall’albergo al mare, perché aveva ballato il liscio con uno del paese che era partito nel gruppo con loro.
Te lo giuro, te lo giuro, no ho scordato di dargli la medicina per la pressione. No ho perso la tua lista. La porto sempre nella borsa, anche la domenica quando esco e tu rimani a casa a lavorare. Io lo so perché sei così magra, perché lavori troppo! Anch’io ero magra in Romania, ma ho preso sette chili da quando sono qui. Perché noi mangiamo verdure e voi tanta pasta, e la pasta mi ha fatto ingrassare. Adesso sono a dieta, però mentre cucino per voi mangio lo stesso. Ma tanto no devo trovare un fidanzato, nessuno è serio, a me no mi interessano quelli che pensano solo a loro e no mettono da parte i soldi per costruire un futuro. Quando lo trovo uno così, lo sposo e faccio un bambino. Altrimenti no lo faccio, tanto tu neanche hai figli e no voglio diventare come la tua amica Anna per farne uno.
Ma no devi dare la mancia al medico? Sei sicura? Da noi in ospedale bisogna dare i soldi ai medici perché sennò no ti fanno mettere nei letti. E comunque non è che sono tanto peggio di questo, che no somiglia per niente a quello di E.R. e anche i dottori sono molto più brutti. Noi vediamo tutta la televisione italiana, Canale 5, Italia 1 e Mtv Italia. Allora un po’ mi sento a casa, per questo, però mi manca la campagna e i cani. Meno male che l’italiano no è tanto diverso. Io sono, per esempio, è quasi uguale a je sum. Sono gli accenti che cambiano e noi abbiamo delle lettere che voi no avete. Ma io capisco tutto, anche se ancora no parlo benissimo e no so tante parole. Però quel ragazzo che l’altro giorno ci ha fermato all’Upim chiedendoci se c’era, io proprio no lo capivo. Era un po’ confuso, forse perché era grasso.
Te lo giuro, te lo giuro, io no c’entro niente. Non lo so perché no ce la faceva più a respirare, è diventato tutto rosso scuro e io mi sono messa paura e ti ho telefonato subito e ho bussato alla signora Pia.
Però io ti chiedo perdono lo stesso, se ho sbagliato qualcosa.

© Emmeper




permalink | inviato da il 3/4/2007 alle 15:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo        maggio
 
rubriche
Diario
LetterariaMente
Post-it
Pennellanea
Cinemascopico
Che vuol dire il modo di dire?
Amarcord
Femminismi
Tipi moderni
I nostri racconti
Le nostre poesie
Italia nostra
Dalla parte delle bambine

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Angeli/ 1
Angeli/ 2
Economia sociale e solidale
Donne, alt al silenzio
Per chi crede che il femminismo sia morto
Più che teatro
L'archivio del genio
Più che fantascienza
Come lui nessuno più
Zittino Bob parla
Culture dialoganti/ 1
Culture dialoganti/ 2

BLOG PREZIOSI

Il blog apolide
Ciro Monacella, la Partenope che vale
Demetrio postraumatico
Quel vulcano di Tonino
NeveDiCarne: sentirete parlare di lei
Arturo
Valhalla: per chi ama l'Oriente (e non solo)
Oldman: contro il sonno della ragione
Understatement: tecniche di sopravvivenza
Irlanda: libertà prima di tutto
Nomefaltanada: sane follie
Almalù: parole danzanti
Sbloggata: fuori di blog
Napolino: bravo bravissimo
Marynonpersempre: donna, e laica
Crisalide: il cambiamento è già qui
Da Lù: spazi intelligenti
Jericho: dolce come Ambrosia
Vetro: taglia ma non morde
LETTERATURA&DINTORNI

Bombacarta
Vibrisselibri
Vibrisse
Via Delle Belle Donne
Lisa, poesia d'autore
iQuindici
La Poesia e lo Spirito
Cose che bisognerebbe leggere
Nazione indiana
Gaja Sinestetica
Ramona: curare raccontando
Ramona: il diario continua
I cazzeggi letterari di Lucio Angelini
Il lettore lento per eccellenza
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom