.
Annunci online

bloGodot [ Godot è arrivato e non ci piace ]
 



Mantra mattutino

ESTRAGONE Didi.

VLADIMIRO Sì.

ESTRAGONE Non posso più andare avanti così.

VLADIMIRO Sono cose che si dicono.

ESTRAGONE Se provassimo a lasciarci? Forse le cose andrebbero meglio.

VLADIMIRO C’impiccheremo domani. (Pausa). A meno che Godot non venga. ESTRAGONE E se viene?

VLADIMIRO Saremo salvati. (Vladimiro si toglie il cappello – che è quello di Lucky – ci guarda dentro, ci passa la mano, lo scuote, lo rimette in testa).

da "Waiting for Godot", Samuel Beckett


Mantra notturno

Che cosa significa “la realtà”? [...] A volte sembra nascondersi dietro forme troppo lontane perché ci sia possibile capire la loro vera natura. Ma qualunque cosa essa tocchi, viene fissata e resa permanente. E' questo che ci resta, quando abbiamo gettato dietro la siepe la buccia vuota del giorno; è questo che ci resta del tempo passato, dei nostri amori e delle nostre avversioni.

da “Una stanza tutta per sé”, Virginia Woolf



Per non morire mai

And did you get what
you wanted from this life, even so?
I did.
And what did you want?
To call myself beloved, to feel myself
beloved on the earth.

E hai ottenuto quello che
volevi da questa vita, nonostante tutto?
Sì.
E cos’è che volevi?
Potermi dire amato, sentirmi
amato sulla terra.

"Late fragment", Raymond Carver



Per avere una meta

L'atlante del Gran Kan contiene anche le carte delle terre promesse visitate nel pensiero ma non ancora scoperte o fondate: la Nuova Atlantide, Utopia, la Città del Sole, Oceana, Tamoé, Armonia, New-Lanark, Icaria.
Chiese a Marco Kublai: - Tu che esplori intorno e vedi i segni, saprai dirmi verso quale di questi futuri ci spingono i venti propizi.
- Per questi porti non saprei tracciare la rotta sulla carta né fissare la data dell'approdo. Alle volte mi basta uno scorcio che s'apre nel bel mezzo d'un paesaggio incongruo, un affiorare di luci nella nebbia, il dialogo di due passanti che s'incontrano nel viavai, per pensare che partendo di lì metterò assieme pezzo a pezzo la città perfetta, fatta di frammenti mescolati col resto, d'istanti separati da intervalli, di segnali che uno manda e non sa chi li raccoglie.
Se ti dico che la città cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla. Forse mentre noi parliamo sta affiorando sparsa entro i confini del tuo impero; puoi rintracciarla, ma a quel modo che t'ho detto.
Già il Gran Kan stava sfogliando nel suo atlante le carte delle città che minacciano negli incubi e nelle maledizioni: Enoch, Babilonia, Yahoo, Butua, Brave New World.
Dice: - Tutto è inutile, se l'ultimo approdo non può essere che la città infernale, ed è là in fondo che, in una spirale sempre più stretta, ci risucchia la corrente.
E Polo: - L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.
da "Le città invisibili", Italo Calvino



30 marzo 2007


Confermare, congratularci, chiedere perdono/ Atto I


"I buoni e i cattivi risultati delle nostre parole e delle nostre azioni si vanno distríbuendo, presumibilmente in modo alquanto uniforme ed equilibrato, in tutti i giorni del futuro, compresi quelli, infiniti, in cui non saremo piú qui per poterlo confermare,  per congratularci o chiedere perdono"
José Saramago, "Cecità"



Atto primo - La conferma

Che Giannantonio ci fosse, c'erano pochi dubbi. Era pesante, intorno ai cento chili, con capelli unti lunghi fino alle spalle, qualche cicatrice sulla faccia e un sorriso che sputava sole. Sempre rivestito di coloratissime palandrane esotiche e poncho peruviani originali, certamente non passava inosservato. Eppure, ovunque andasse, Giannantonio aveva bisogno di conferme.
Se era in compagnia di noi amici, la questione era di poco conto. Ogni tanto ci prendeva sottobraccio e noi già conoscevamo la domanda che ci stava per piombare addosso, un bisbiglio scagliato alla velocità di uno shuttle:
- Ehi raga, ci sono ancora, vero?
Ci bastava un cenno per tranquillizzarlo: piegare la bocca da un lato, verso l'alto, oppure sollevare le sopracciglia aprendo i palmi delle mani o strizzare l'occhio in segno di sicuro assenso.
Il problema nasceva quando noi non c’eravamo. Giannantonio era capace di fermarsi a prendere il caffè ogni ora in un bar diverso per essere "riconosciuto" dal barista. Salutava chiunque, avido di "ciao". Aveva provato con gli sms, ma non aveva funzionato: nel lasso di tempo tra il suo invio e la risposta teoricamente avrebbe potuto morire senza che il destinatario del messaggio lo avesse saputo. Il riscontro, dunque, non era valido. E non c'era nulla di peggio che potesse immaginare, se fosse morto, degli sms che avrebbero continuato ad arrivare sul suo telefonino e delle e-mail che la sua casella di posta avrebbe continuato ad accogliere. Una ressa indistinta e immateriale alle calcagne di un cadavere.
L'origine di quella sua ossessione si annidava in un cortometraggio che aveva trasmesso la Rai quando era bambino. Doveva aver avuto quattro o cinque anni, era tardi e lui era seduto sul divano con i suoi genitori, mezzi addormentati davanti alla Tv. All'improvviso era cominciata una specie di rassegna di corti. Come poteva sapere che il secondo gli avrebbe cambiato la vita?
A pensarci bene, se quel film di dieci minuti era davvero come ce lo raccontava, rimasto immune ai tiri che gioca la memoria, non avrebbe dovuto essere guardato da un bambino.
"I protagonisti sono un ragazzo e una ragazza che non si conoscono – ci diceva sudando – ma che un giorno assistono, in momenti diversi, a un incidente stradale. Nella scena successiva sembra passare qualche tempo. Girovagano per la città, sono vestiti normalmente, fumano, guidano. Però non c'è tanta gente e l'atmosfera è strana. Si incontrano spesso, ma all'inizio non ci fanno caso. Poi si siedono sui gradini di una chiesa o di un monumento, non ricordo, e vedono avanzare verso di loro il ragazzo che era disteso a terra dopo l'incidente. Soltanto in quel momento capiscono. Capiscono di essere morti".
Si era spaventato come può spaventarsi soltanto un bambino, non ancora avvezzo a misurarsi con l'ignoto, privo degli strumenti di consolazione che gli adulti sono così abili a perpetuare: la cieca fiducia della fede, la liquida fusione del sesso, la potenza maieutica dell'arte. Da allora in poi, il risultato si era materializzato sotto gli occhi di tutti quelli che gli volevano bene: un'affannosa ricerca di conferme alla sua esistenza. Fastidiosa per gli altri perché esplicita, non sotterranea e mimetizzata come quella di qualunque essere umano.
Una notte di agosto eravamo da soli a fumare erba sulla torretta di un castello diroccato, in cima a un paese arrampicato sull'Appennino. Lui rollava serissimo una canna dopo l'altra, a gambe incrociate. Io ero sdraiato con un braccio sotto la testa e gli occhi al cielo, come voleva Hugo. Lo citai a voce impastata: "C'è chi si fissa a vedere il buio. Io preferisco contemplare le stelle".
"Potessero parlare", sospirò Giannantonio.
"In che senso?", chiesi io, alzandomi sui gomiti.
"Potrebbero rassicurarmi loro, no?"
"Con tutto il rispetto – dissi spazientito – non ti è mai venuto in mente che quel corto fosse un'emerita stronzata? Non hai mai pensato che fosse tutto un bluff, il parto della fantasia di un regista fuori di testa, una cazzo di balla grande quanto una casa? Non sai che quando moriamo i corpi si decompongono e puzzano fino a ridursi a un pugno di ossa che chiamiamo scheletri?"
Giannantonio smise per un attimo di rollare, mi regalò un'occhiata di sufficienza e quel suo sorriso sputa-sole e poi riprese a maneggiare maria e cartine. Io mi rimisi giù sbuffando. Intorno a noi una pioggia di stelle, traiettorie di luce a smagliare la calza nera del cielo, una ragnatela siderale a racchiuderci senza sfiorarci. Eravamo niente, eravamo tutto.
Mi arresi: "Ci siamo, Gian, adesso ci siamo".

© Emmeper




permalink | inviato da il 30/3/2007 alle 14:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
rubriche
Diario
LetterariaMente
Post-it
Pennellanea
Cinemascopico
Che vuol dire il modo di dire?
Amarcord
Femminismi
Tipi moderni
I nostri racconti
Le nostre poesie
Italia nostra
Dalla parte delle bambine

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Angeli/ 1
Angeli/ 2
Economia sociale e solidale
Donne, alt al silenzio
Per chi crede che il femminismo sia morto
Più che teatro
L'archivio del genio
Più che fantascienza
Come lui nessuno più
Zittino Bob parla
Culture dialoganti/ 1
Culture dialoganti/ 2

BLOG PREZIOSI

Il blog apolide
Ciro Monacella, la Partenope che vale
Demetrio postraumatico
Quel vulcano di Tonino
NeveDiCarne: sentirete parlare di lei
Arturo
Valhalla: per chi ama l'Oriente (e non solo)
Oldman: contro il sonno della ragione
Understatement: tecniche di sopravvivenza
Irlanda: libertà prima di tutto
Nomefaltanada: sane follie
Almalù: parole danzanti
Sbloggata: fuori di blog
Napolino: bravo bravissimo
Marynonpersempre: donna, e laica
Crisalide: il cambiamento è già qui
Da Lù: spazi intelligenti
Jericho: dolce come Ambrosia
Vetro: taglia ma non morde
LETTERATURA&DINTORNI

Bombacarta
Vibrisselibri
Vibrisse
Via Delle Belle Donne
Lisa, poesia d'autore
iQuindici
La Poesia e lo Spirito
Cose che bisognerebbe leggere
Nazione indiana
Gaja Sinestetica
Ramona: curare raccontando
Ramona: il diario continua
I cazzeggi letterari di Lucio Angelini
Il lettore lento per eccellenza
cerca
me l'avete letto 443128 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom